Allevamento Francesco Stuppello | Acquappesa (CS)

Origini del Canarino Gibber Italicus

Canarino Gibber Italicus

Il Canarino Gibber Italicus è un canarino da forma e posizione di tipo arricciato creata dagli allevatori italiani.

La razza è frutto di un lungo e certosino lavoro di molti allevatori italiani che nell’arco di circa 30 anni, partendo da canarini bossù arricciati e Canarini Arricciati del Sud, riuscirono a selezionare una nuova razza.

Tutto ebbe inizio a Napoli, dove negli anni '20 del secolo scorso molti allevatori importavano dalla Francia e dalla Spagna vari tipi di canarini arricciati denominati bossù arricciati e anche canarini arricciati del sud. Tra questi pionieri partenopei della canaricoltura vanno ricordati il cav. Guglielmo Cerlino e Padre Solimene, quest’ultimo un monaco talmente incallito per la passione dei canarini che perse il rettorato della Chiesa di Santa Maria a Caponapoli per essersi recato a Marsiglia ad acquistare canarini.

Ma la selezione dei bossù arricciati in quegli anni non era prerogativa dei soli italiani, perché di questa razza o presunta tale, non esisteva un solo tipo per forma e taglia, ma tanti e in molte parti d’Europa, specie in Francia ed in Spagna, dove si era al lavoro per fissare una razza vera e propria partendo da questi soggetti.

Ma gli italiani lavorarono meglio e già nel 1941 veniva riconosciuto che tra tutti i bossù arricciati, quello di tipo italiano era sicuramente il più caratteristico ed il più bello, e nel dopoguerra il bossù arricciato in Italia fu largamente allevato da nord a sud.

Tra questi, in particolare ottenne ottimi risultati la signora Maria Giamminola di Como che riuscì a rimpicciolire la taglia e ad ingentilire l’aspetto, e così ritenendosi la creatrice della razza, essendo di Como propose il nome di Larianello in onore del lago di Como, detto anche Lario.

Di li a poco il canarino fu presentato dalla signora Giamminola e dal dottor Bossi alla mostra internazionale di Bruxelles per far riconoscere a livello internazionale la nuova razza, che ottenne tutti pareri positivi da parte dei giudici stranieri, con qualche riserva francese, dubbiosi per la concorrenza che la nuova razza poteva fare all’arricciato del sud. Così nel febbraio del 1951 la A.O.I. riconobbe ufficialmente il Bossù Arricciato Italiano.

Riconosciuta la razza iniziò una diatriba sul nome, perché se si riconosceva la grande opera fatta dalla signora Giamminola, si faceva presente che prima di lei e contemporaneamente a lei, molti allevatori italiani e specie del sud avevano contribuito a forgiare la razza, anzi fu fatto presente che la razza effettivamente aveva visto i natali 30 anni prima a Napoli, dove gli allevatori partenopei avevano iniziato il percorso di creazione di una nuova razza definita poi nel 1951, e che oltre a questi avevano lavorato anche allevatori pugliesi, siciliani, laziali, emiliani etc, per questo motivo il nome di Larianello fu bocciato.

Molti furono i nomi proposti: italicus, Gobbuto leggero, Gobbuto italiano, Cerlino, Septem italicus etc, ma alla fine prevalse Gibber Italicus, nome che ancora la razza porta.

Francesco Stuppello

Francesco Stuppello

Allevamento Ornitologico Amatoriale | R.N.A. 24AR
Allevo per passione LUCHERINI TESTANERA topazio, ancestrali e diluiti; CANARINI agata opale gialli e isabella opale gialli; CANARINI SCOTCH FANCY gialli, bianchi, verdi, ardesia, fawn e cinnamon; DIAMANTI DI GOULD ancestrali e lutino a testa rossa e testa nera. Sono un allevatore F.O.I. dal 2002, socio all'A.O. Cosentina dal 2006, dell'Orniexpò dal 2014 e dello Scotch Canary Club Italiano dal 2017. Nel mio Palmares ho collezionato: 132 primi, 97 secondi, 29 terzi, 8 campioni razza e 11 premi speciali.
Nelle grandi competizioni ho conseguito: 2 podi ai Campionati del Mondo, 9 ai Campionati Italiani, 9 alle Mostre Internazionali, 32 ai Campionati Regionali, 32 a Fringillia, 80 a Il Salone dei Fringillidi.
Info 366.1385153 - Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. | Acquappesa (CS)| Calabria - Italia

Web designer freelance → siti internet, seo, social network, guide online e local search.
eosonline.it | calabriaportal.com | portalbird.com

BLOG | ULTIME PUBBLICAZIONI

ARTICOLI CORRELATI